Definizione di violenza assistita

“La violenza assistita da minori si verifica quando i bambini sono spettatori di qualsiasi forma di maltrattamento espresso attraverso atti di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica su figure di riferimento o su altre figure affettivamente significative, adulte o minori.” – CISMAI

I dati del Centro Veneto Progetti Donna riguardanti le donne e i/le loro figli/e

Delle donne che hanno chiesto aiuto al Centro Veneto Progetti Donna, l’80% ha subito violenza da un partner presente o passato.
Nel 2018, per quanto riguarda la Provincia di Padova, 1.016 donne hanno richiesto e trovato aiuto al Centro Veneto Progetti Donna, 475 hanno figli/e minori, per un totale di 783 bambini e bambine. Di questi, 706 (il 90%) hanno assistito alla violenza nei confronti della loro madre. 

Conseguenze della violenza assistita

Sembrerebbe inutile ribadire un elemento fondamentale di queste vicende e cioè che i bambini e le bambine che subiscono violenza assistita sono anch’essi vittime di violenza. Viene loro negata una crescita sana e serena.
Di fatto i figli e le figlie assistono quasi certamente alla violenza. Direttamente, oppure indirettamente, vedendone i segni in casa, percependo gli stati d’animo di malessere della madre e delle altre persone presenti, vedendo lividi e ferite e altri “effetti” della violenza.

Un Video per conoscere e sensibilizzare

Questo video è stato realizzato con il contributo di Eau Thermale Avène e ideato da Fabiana Iacolucci e Valentina Calvani di LACA Studio , è basato sul libriccino intitolato anch’esso “Il tuffo di Lulù” e pensato come strumento per la sensibilizzazione sulla violenza assistita della rete Di.Re. Guardatelo!

Il tuffo di Lulù. Violenza assistita e come uscirne

Quando a subire violenza tra le mura domestiche è una donna con figli/e spesso bambini e bambine si trovano loro malgrado ad assistere alla violenza. Nei centri antiviolenza della rete D.i.Re Donne in Rete contro la violenza e nelle sue case rifugio lavorano operatrici ed esperte che aiutano bambini e bambine a elaborare questa esperienza e riconquistare la serenità, in parallelo al percorso di fuoriuscita dalla violenza e recupero della propria autonomia costruito con le loro mamme.Questo video, realizzato con il contributo di Eau Thermale Avène e ideato da Fabiana Iacolucci e Valentina Calvani di Iaca Studio, è basato sul libriccino intitolato anch'esso "Il tuffo di Lulù" e pensato come strumento per la sensibilizzazione sulla violenza assistita.

Pubblicato da D.i.Re Donne in Rete contro la violenza su Martedì 30 luglio 2019

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *